229

Alessandra Mandolesi


facebook
instagram
phone
whatsapp

Copyright. All Rights reserved by Zoe Photography

image-561

Artista

 

Alessandra Mandolesi nasce a Marino (Rm) nel 1980 e consegue nel 1999 il Diploma d’Istituto d’Arte in Architettura e Arredamento presso l’Istituto Statale d’Arte Paolo Mercuri di Marino.

La sua grande passione per i Maestri Pittori del Rinascimento la porta ad approfondire a lungo la loro perfezione, esercitandosi alacremente in pitture e disegni realistici o in copie d’autore. Dopo un periodo di inattività artistica, decide di ricominciare a dipingere, abbandonando l’ossessione per la perfezione e dando un taglio personale alle proprie opere.

In questa nuova fase, sviluppa uno stile originale attraverso l’utilizzo di spatole e colori ad olio.

Le forme, quasi tridimensionali, sono realizzate utilizzando grandi quantità di colore e spatolate nette e decise che danno forma e spessore al dipinto.

About me 

 

 

La sua personalissima cifra stilistica prende forma dall’incontro della sua grande passione per l’arte rinascimentale e la pittura realistica con il suo animo vibrante ed espressivo.

Spatolate di colori ad olio prendono il sopravvento sul piglio figurativo dell’autrice, che riesce a trasmettere sulla tela, non solo la sua bravura e perizia tecnica, ma anche e soprattutto le proprie ardenti emozioni. 

Le forme sono rese quasi tridimensionali dalla materia cromatica che da spessore al dipinto, il colore risponde alle esigenze dell’artista, sovrapponendo segni e piani compositivi in una ricca alternanza di densità e rilievi.

Le fugaci pennellate e i giochi tonali che se ne creano, veicolano gli stati d’animo dei soggetti rappresentati, svelando riflessioni che si rivolgono alla sensibilità dell’osservatore più attento, in una coinvolgente trama narrativa ricca di sottintesi e allusioni.

Uno stile ben inquadrato, rappresentativo ed originale, quello di Alessandra Mandolesi, che tramite le sue opere ci trasporta all’interno dell’universo di ogni sua elegante protagonista.

 

Leonarda Zappulla Storico e Critico d'Arte

 

CASA EDITRICE DANTEBUS PER "Collana di Pittura Bazart vol.16"

 

«Non finiremo mai di cercare. E la fine della nostra ricerca sarà l’arrivare al punto da cui siamo partiti e il conoscere quel luogo per la prima volta.» (Thomas Stearn Eliot)

L’arte di Alessandra Mandolesi è il frutto del suo intenso percorso artistico e spirituale che si compone di due fasi: la ricerca della perfezione e la scoperta dell’emozione.

Nella prima fase di intensi studi, Alessandra si pone sulla scia dei grandi maestri classici e rinascimentali all’inseguimento della perfezione stilistica ed artistica. Questo perché l’anelito interiore dell’essere umano la spinge à la recherche di un quid che possa dare definitivamente un senso all’esistenza. Alessandra, allora, giunge come l’Ulisse dantesco alla soglia dell’ultimo confine noto delle Colonne d’Ercole e al grido di “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza” si spinge oltre di esso. Eppure, proprio là, dove dovrebbe finire tutto nel nulla, ha inizio l’infinito e di fronte ad esso come si può raggiungere la perfezione in una sola vita? Il dubbio amletico tormenta l’artista per anni. Tuttavia, la creatività continua a scalciare dentro all’animo come una puledra chiusa nel recinto. Per liberarla e farla cavalcare nelle praterie dell’immenso, però, Alessandra ha bisogno di scovare un modus operandi, di un habitus adatto che ben rivesta il mondo interiore, che sappia esprimere e rappresentare adeguatamente il tutto.

Bisognava perdersi per ritrovarsi, naufragar è dolce in questo mare. La fiamma mai spenta si infuoca nuovamente con la luce dell’emozione. Se la perfezione è irraggiungibile, bisogna seguire un’altra via: quella del cuore e della verità, esattamente secondo l’idea di H. Von Balthasar, secondo il quale il criterio della verità è la bellezza. Alessandra, allora, rinasce artisticamente e spiritualmente nella nuova luce del vero interiore. La ricerca della perfezione si muta in quella della propria identità, del proprio Io.

L’artista valica ogni confine spazio-temporale e si immerge nell’unicum della sua storia, a recuperare e riscoprire ogni parte di sé, persa, strappata, dimenticata o sconosciuta e la riattacca al cuore e all’anima. L’autrice intesse, così, la veste giusta: nasce la vera arte di Alessandra Mandolesi. L’opera Yes. I am è lo spartiacque, lo stendardo, il simbolo di una nuova era. I frammenti di sé, a mo’ di mosaico, vanno a comporre l’elegante figura della donna, che si staglia in tutta la sua femminilità e sensualità su di un campo rosso, simbolo dell’inizio della stagione delle emozioni. Ogni donna rappresentata è, dunque, un nuovo

Big Bang, un universo che Alessandra costruisce mattone su mattone, pezzo su pezzo e dona con affetto al mondo. In pregevoli dipinti, per lo più a olio e spatola su tela, il lettore osservatore è invitato a compiere un meraviglioso viaggio, tavolta non come un compagno di Ulisse al di là dell’ignoto, ma come un argonauta di Giasone al raggiungimento della meta: l’emozione è il vello d’oro che può guarire ogni ferita interiore ed esteriore.

«La troverai la Via, se prima avrai il coraggio di perderti.» (Tiziano Terzani)

 

blondecreationsart@gmail.com

 

Roma

​+ 39 3921905921

Contattaci, ti risponderemo il prima possibile


Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder